mercoledì 12 settembre 2007

San Loiero Agazio da Santa Severina


(AGI) - Catanzaro, 11 set. - “E’ piu’ facile fallire al Sud che in Lombardia o al Veneto, cioe’ in un territorio dove funzionano le industrie e i sindacati, dove c’e’ una grande stampa che presidia ma soprattutto difende il territorio, come spesso non capita nel Sud, dove non c’e’ questa grande criminalita’ invasiva, dove il credito ha tassi equi, dove i trasporti non sono un problema, dove ci si trova ad un passo dall’Europa. Forse sarei bravino anch’io”. Lo ha detto il presidente della Regione Calabria, Agazio Loiero. Il governatore calabrese ha risposto cosi’ al servizio di un giornale nazionale che tracciava un bilancio negativo del lavoro svolto nei primi due anni dalle giunte regionali in carica in Puglia, Campania e, appunto, Calabria. (AGI)



Vi sembra che un governatore regionale possa parlare in questi termini? Perché, allora, Loiero non ha scelto di candidarsi in Lombardia o in Veneto? E che senso hanno queste chiacchiere da ochetta della tv, quando in Calabria c'è un inferno alimentato dall'insensatezza e complicità della classe politica, di cui Loiero fa parte? Chi sceglie la famosa "squadra di governo"? Lo stesso Loiero non ha forse dichiarato a "W l'Italia" (Rai 3) d'aver scelto l'assessore ai lavori pubblici perché era il più portato dal partito, ignorando che della materia sapesse poco e niente? E come ha risposto, poi, sulla scelta del responsabile del nascendo polo industriale lametino? Non ha dichiarato, innanzi al nome dell'imprenditore Pippo Callipo, indicato da Giovanni Speranza, sindaco di Lamezia Terme, che non gli si debbono fare dispetti e che non lo si può scavalcare, visto che lui è il capo? Lo faccia sempre, allora, piuttosto che solo quando si tratta di nominare dirigenti suoi amici.

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Se è per questo, tempo fa, come ricorda spesso < Marco Travaglio,il Governatore Loiero dichiarò che alla ndrangheta non conveniva ucciderlo perchè poi lo stato militarizzerebbe la Calabria rallentando le attività illegali. Ricordiamo anche il caso dell'uso di alcuni agenti del sismi come segretarie per sbrigare raccomandazione da parte di Loiero ed il suo processo per mafia nel quale fu assolto ma dove comunque dichiarò di essere spesso contattato da persone che gli offrivano voti.

Anonimo ha detto...

Con decreto motivato del Presidente della Repubblica sono disposti lo scioglimento del Consiglio regionale e la rimozione del Presidente della Giunta che abbiano compiuto atti contrari alla Costituzione o gravi violazioni di legge. Lo scioglimento e la rimozione possono altresì essere disposti per ragioni di sicurezza nazionale. Il decreto è adottato sentita una Commissione di deputati e senatori costituita, per le questioni regionali, nei modi stabiliti con legge della Repubblica. (art. 126 della Costituzione Italiana)

Lupo della Sila ha detto...

Sono anche io molto critico con il governo regionale di centrosinistra,ma non accetto che la sola risposta sia la ipercriticità parolaia e nemmeno i sermoni di gente come Marco Travaglio.Si lavori ,invece, per la formazione di una sinistra democratica e di sani principi che ,però, faccia i conti con la storia e con una società complessa come quella attuale che non può essere analizzata con strutture mentali e categorie politico-economiche dell'800.Una sinistra che non parli solo a se stessa e alla sua nicchia elettorale ma alla intera società.